Che cos'è...

Facciamo un po’ di chiarezza sui principali servizi che offro ed a che cosa servono.

PSICOTERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE

 

La psicoterapia cognitivo-comportamentale parte dal presupposto che ciascuno di noi è mosso da schemi di pensiero e comportamento, che in certi momenti della vita possono divenire disfunzionali e quindi produrre malessere, disagio e sofferenza emotiva. Tali schemi vengono spesso messi in atto in maniera inconsapevole ed automatica dalla persona. Lo psicoterapeuta cognitivo-comportamentale agisce su emozioni dolorose, pensieri e comportamenti guidando l’individuo nel percorso di identificazione e modificazione di tali schemi.

I principali obiettivi della terapia sono:

  • Conseguire un miglior equilibrio personale e relazionale
  • Migliorare il giudizio su di sé
  • Raggiungere i propri scopi di vita

 


STIMOLAZIONE COGNITIVA NELLA DEMENZA

 

Con il termine demenza, si indica una condizione che comporta la progressiva compromissione delle funzioni cognitive (memoria, attenzione, linguaggio, capacità di orientamento…) in modo tale da pregiudicare il mantenimento di una vita autonoma. La Stimolazione Cognitiva si configura come un intervento orientato al benessere complessivo della persona in modo da incrementarne il coinvolgimento in compiti finalizzati alla riattivazione delle competenze residue ed al rallentamento della perdita funzionale dovuta alla patologia.

 

I principali obiettivi quindi sono:

  • Favorire l’utilizzo ed il mantenimento temporaneo delle funzioni cognitive residue
  • Promuovere esperienze gratificanti che sostengano l’autostima e l’immagine personale

VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA

 

 

 

La valutazione neuropsicologica di II livello serve a stilare il profilo cognitivo e funzionale della persona dopo un danno cerebrale di varia natura (traumatica, degenerativa, tumorale, vascolare...) mediante la somministrazione di specifici test cognitivi.

Può essere utile alla persona che ne fa richiesta e/o a professionisti quali medici geriatri, neurologi, medici legali, psichiatri forensi, avvocati per i seguenti motivi:

  • Contribuisce alla diagnosi medica (la valutazione infatti quantifica la presenza o meno di deficit cognitivo e la sua gravità)
  • Fornisce una certificazione di danno cognitivo con valore peritale (es. domanda di accompagnamento; capacità di fare testamento etc..)